Quando si scrive delle donne, bisogna intingere la penna nell’arcobaleno