Che cosa è il piacere se non un dolore straordinariamente dolce